Long Range Shooting Simulator (Windows)

  • 19 Risposte
  • 5450 Visite

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Davide P

  • Hero Member
  • *****
  • 3672
  • NRA IT member 73
Long Range Shooting Simulator (Windows)
« il: Ottobre 23, 2010, 12:07:40 am »
Sono stati ordinati e a breve saranno disponibili i cd di questo ottimo ausilio per fare pratica " casalinga " con tabelle, compensazioni e valutazioni condizioni meteo, tiri inclinati e moving target.

molto interessanti le sezioni classroom in cui vengono ripresi i fondamentali concetti di balistica, spiegazione MIL, MOA, ecc ecc...

molto istruttivo se si vuole valutare la distanza di un bersaglio con il MIL DOT.... 

un pò di foto














*

Davide P

  • Hero Member
  • *****
  • 3672
  • NRA IT member 73
Long Range Shooting Simulator (Windows)
« Risposta #1 il: Ottobre 24, 2010, 04:20:25 pm »
Come gia' detto questo software puo' essere un validissimo ausilio per uso didattico ed un training casalingo a costo zero..
Inizialmente possiamo consultare la sezione class room dove apprendiamo tutte le nozioni base per effettuare un tiro di precisione, MIL, MOA, analisi condizioni meteo, balistica, tiri inclinati,uso di una tabella, target in movimento ecc ecc.......sia con foto e descrizioni che con brevi filmati.
poi possiamo passare a visualizzare l'interfaccia di presentazione e come si utilizzano i comandi, e infine scegliamo il calibro e l'ambientazione, anche qui una scelta molto ampia.
Il programma e' stato tarato con il software balistico della Sierra e per avere risultati perfetti bisogna prendere in considerazione i dati che ci vengono sottoposti e soprattutto dobbiamo essere in grado di leggere bene sia il vento che la distanza del nostro target......con il MIL DOT della nostra ottica, scegliamo il tipo di reticolo, l'ingrandimento e poi grazie alle dimensioni del target che sono note e alle varie formule di aiuto.......proviamo a calcolare la distanza, e quando l'abbiamo trovata consultiamo la tabella per decidere i valori di elevazione e windage da impostare sulle nostre torrette, dopo non ci resta altro che sparare..........se prendiamo il target oltre a sentire il classico " dang " dell'impatto del proiettile sul gong vediamo anche dove abbiamo impattato e la reale distanza....e la possiamo confrontare con quella che avevamo stimato...

nel primo tiro avevo stimato che il bersaglio di 40" era compreso in 1.6 MIL per una distanza di 694 y...imposto 5.6 e .3 MIL e sparo..
vedo l'impatto e provo a vedere con 1.55 MIL cosa succede...imposto quindi 5.8 e .3 MIL per una distanza di 717 y.
la reale distanza era poi di 710 y e 5.7 MIL sono quelli che fanno meglio combaciare POI con POA.
Passo quindi a prendere FFS e utilizzo la mia ricarica con i miei dati e imposto i dati meteo del programma....utilizzando la funzione ranging del programma imposto dimensione bersaglio MIL e trovo la ditanza ....sono passato all'esercizio B......FFS mi fornisce i valori da impostare....sparo e ..."dang ".....
che dire .......tools consigliatissimo, se non altro per fare pratica quando non possiamo farlo con arma vera e su un campo di tiro...
prima schermata del programma....



vediamo la schermata del menu principale dove possiamo accedere alle varie sezioni...calibri, ambientazione e class room




scegliamo la sezione long range esercizio A e mettiamo in atto quanto descritto precedentemente....

proviamo a stimare la distanza del nostro target sovrapponendo il reticolo dell'ottica



video.....





poi passo a FFS con i miei dati giusto per vedere come si comporta il tutto.....

video..



impostazioni dati meteo e proiettile.....soluzione proposta



riassumendo nonostante gli ideatori dicano che questo ausilio debba essere necessariamente utilizzato con i propri dati ho potuto constatare che il software balistico field firing solutions dia degli ottimi dati di out put...indipendentemente da dove venga utilizzato.....tra le mure domestiche o su un campo di tiro.....

*

crybeast

  • Full Member
  • ***
  • 775
  • ST The Gunners Long Range NRAI n°89
Re:Long range shooting simulator.... breve video..
« Risposta #2 il: Novembre 19, 2010, 06:47:47 pm »
io ho la versione 2 di questo simulatore di tiro.. non ha tante opzioni come questo però devo ammettere che è veramente fatto bene e per chi si avvicina al tiro di campagna può essere un buon strumento didattico...

*

Karl

  • Jr. Member
  • **
  • 215
  • Tessera N.15
Re:Long range shooting simulator.... breve video..
« Risposta #3 il: Dicembre 11, 2010, 12:35:17 pm »

Anch'io avevo la versione 2 e mi trovavo bene. C'erano solo un paio di errorini sul 308 Win, non mi ricordo bene se con palle da 168 o quelle da 175.
Il programma mi è stato molto utile per imparare a "smanettare" bene con il Mildot Master.

Adesso uso la versione 3: decisamente con molte più opzioni!!
Uso sempre il Mildot Master, ma assieme al mio I-pod con il programma balistico KAC Bullet Flight Military  vers.. 3.1.0
( software consigliatomi da 1MOA al suo corso in maggio )
Ho qualche dubbio sui tiri ( virtuali ) con angoli di sito. L'autrice del software usa il metodo abbastanza spannometrico del "cacciatore". In pratica moltiplica la distanza telemetrata ( in questo caso valutata con il reticolo ) con il coseno dell'angolo. Sulle lunghe distanze si "toppa" alla grande.

( Vado per un secondo Off Topic: anche la Leupold usa nei suoi telemetri questo sistema per i tiri angolati....assai criticato!!
)


*

Marco Alberini

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • 7205
Re:Long range shooting simulator.... breve video..
« Risposta #4 il: Dicembre 11, 2010, 12:57:44 pm »
Certo, perchè come scriviamo in alcuni da tempo, usare il coseno per le lunghe distanze è molto approssimativo.

*

1moa

  • Full Member
  • ***
  • 798
  • Che il Signore mi protegga dall'ira di un uomo tra
    • www.italiangallinagoshooting.org
Re:Long range shooting simulator.... breve video..
« Risposta #5 il: Dicembre 11, 2010, 02:31:16 pm »
Ho qualche dubbio sui tiri ( virtuali ) con angoli di sito. L'autrice del software usa il metodo abbastanza spannometrico del "cacciatore". In pratica moltiplica la distanza telemetrata ( in questo caso valutata con il reticolo ) con il coseno dell'angolo. Sulle lunghe distanze si "toppa" alla grande.

Fuori dai programmi balistici, l'uso del cartaceo con il coseno è lo strumento che più si avvicina a prendere il bersaglio, in presenza di forte angolo di sito, con la maggiore possibilità di hit.
Certo è che da un softwere ci si aspetta una precisione totale.

Karl, contento del KAC ?

*

Karl

  • Jr. Member
  • **
  • 215
  • Tessera N.15
Re:Long range shooting simulator.... breve video..
« Risposta #6 il: Dicembre 11, 2010, 03:23:55 pm »

Ciao 1MOA,
tutto bene?
Il programma che mi hai consigliato funziona benissimo ed è veramente intuitivo.
L'unico problema riscontrato è proprio sugli angoli di sito. Nel lontano 2003 ho comperato da Baisotti un ACI con i valori già espressi nel coseno dell'angolo. ( funziona benissimo )....ma il software mi richiede il valore dell'angolo, non il suo coseno.
Invece di usare l'ACI debbo dunque usare l'inclinometro del programma stesso.
Ci perdo qualche secondo in più....
Il programma è molto comodo perchè fornisce i BC in G7 misurati sperimentalmente da Bryan Litz.

A quando il prossimo corso??

 ;) ;)
 

*

Marco Alberini

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • 7205
Re:Long range shooting simulator.... breve video..
« Risposta #7 il: Dicembre 11, 2010, 04:53:23 pm »
Fuori dai programmi balistici

Ma quello che pensi è per "fuori dai simulatori balistici"come questo in oggetto o fuori dai "software balistici" ?

*

1moa

  • Full Member
  • ***
  • 798
  • Che il Signore mi protegga dall'ira di un uomo tra
    • www.italiangallinagoshooting.org
Re:Long range shooting simulator.... breve video..
« Risposta #8 il: Dicembre 11, 2010, 10:11:13 pm »
Ma quello che pensi è per "fuori dai simulatori balistici"come questo in oggetto o fuori dai "software balistici" ?

Chiedo scusa per la poca chiarezza del mio scritto, chiarisco meglio.
Il tiratore può affrontare il tiro inclinato in tre modi, usando:
1) ad occhio grazie ad una grande esperienza del tiratore, dove la precisione del tiro è decisamente inversamente proporzionale alla distanza;
2) tramite un software balistico;
3) tramite il coseno, l'angolo attraverso l'utilizzodi slope doper, ACI, goniometro avendo poi l'accortezza di prendere i nuovi dati della distanza dalla classica tabella cartacea.

Sicuramente il dato elaborato dal software è più preciso e "reale", mentre quello estrapolato con ACI/slope doper e tabella del coseno è più indicativo ma permette comunque di entrare in sagoma. In poche parole ......... se uno non ha uno software balistico a portata di mano durante le sue uscite di tiro, , la tabella cartacea con il coseno rappresenta ancora oggi l'unica alternativa valida per beccare il grosso del bersaglio.

Questo nel mondo reale, se poi per il simulatore Long Range Shooting Simulator III l'autore abbia usato il ginofallico coseno probabilmente l'avrà fatto per semplicità di programma oppure per non pagare i diritti d'autore a chi che sia, ma io nel mondo del software mi considero solo un utilizzatore di media capacità, pertanto mi fermo qui, alzo le mani ed ascolto gli esperti.

*

1moa

  • Full Member
  • ***
  • 798
  • Che il Signore mi protegga dall'ira di un uomo tra
    • www.italiangallinagoshooting.org
Re:Long range shooting simulator.... breve video..
« Risposta #9 il: Dicembre 11, 2010, 11:18:58 pm »

Ciao 1MOA,
tutto bene?
.........................
A quando il prossimo corso??
 ;) ;)

Tutto ok  grazie.
Per i corsi "sul campo" bisogna aspettare primavera, in modo da avere una certa garanzia di bel tempo. 

*

Karl

  • Jr. Member
  • **
  • 215
  • Tessera N.15
Re:Long range shooting simulator.... breve video..
« Risposta #10 il: Dicembre 12, 2010, 09:43:52 am »

Grazie per l'info!
Nel programma di simulazione gli angoli di sito scelti dalla progettista sono molto bassi; con ciò il "metodo del cacciatore" non crea grossi errori....

Per i tiri inclinati ( come giustamente dice 1MOA ) dobbiamo tener conto anche della differenza tra un tiro prettamente militare e uno di tipo sportivo ( come il nostro ).
John Plaster, che non è per niente cretino, propone anche lui il "metodo del cacciatore"; anzi....il suo metodo del "Quick Fix" è ancora più grossolano.....ma sono sicuro che funzioni!!
L'importante è mirare alla sagoma umana, poi se colpisce la testa o la parte bassa della pancia, non fa nessuna differenza!!
Parliamo di tiro militare riservato a personale militare!!!
Noi tiriamo a dei gong o su carta dove maggior precisione significa vincere o perdere una gara........

Sulla rivista "ARMI & TIRO" è stato pubblicato un bellissimo articolo che parla dei vari metodi di fronteggiare i  tiri inclinati e la loro precisione. L'ha scritto l'ing Paolo Sinha, ufficiale d'Artiglieria e del Genio Militare. Forse tra di noi c'è qualche cacciatore di montagna che si ricorderà questo nome: era il Past President dell'UNCZA  ( Unione Nazionale Cacciatori Zona Alpi ).....

Se per caso dovesse interessare, fatemelo sapere che ve lo faccio avere.



*

Karl

  • Jr. Member
  • **
  • 215
  • Tessera N.15
Re:Long range shooting simulator.... breve video..
« Risposta #11 il: Dicembre 12, 2010, 09:52:57 am »


......dimenticavo: molto interessante il punto di vista di Bryan Litz sui tiri inclinati sulle lunghe distanze.
Se faccio un tiro inclinato su una sagoma molto più in alto ( o molto più in basso ) rispetto a me, cambiano le condizioni meteo da dove sparo a dove la palla deve arrivare. Nei due punti la pressione sarà diversa e anche la densità dell'aria.
E' un punto di vista. Ne prendo atto....e se lo dice lui, ci devo credere!
 ;D ;D

*

Marco Alberini

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • 7205
Re:Long range shooting simulator.... breve video..
« Risposta #12 il: Dicembre 12, 2010, 12:32:08 pm »
In poche parole ......... se uno non ha uno software balistico a portata di mano durante le sue uscite di tiro, , la tabella cartacea con il coseno rappresenta ancora oggi l'unica alternativa valida per beccare il grosso del bersaglio.

E' su questo punto che ho i miei dubbi: tutti ci facciamo la tabella con i software e poi l'andiamo a verificare sul campo; io ho aggiunto alla tabella la colonna dei gradi, ogni distanza ha una colonna con le correzioni su tutti i gradi che potrei incontrare, non ho il software balistico con me  sul campo ma nel cartaceo ho la stesso dato preciso che mi fornisce sui tiri in gradi. Sul campo misuro con l’ADI in gradi.
Però c'è da fare una precisazione, presumo che se vi preparate la tabella cartacea con il software e andate a impostare con lo stesso metodo il valore in coseno e vi derivate una colonna con i tiri in coseno, questo dato dovrebbe essere perfetto tanto quanto chiedergli una estrapolazione in gradi.
Mentre se non vi preparate la colonna in coseno con il software ma andate a calcolarla voi manualmente sul campo, cioè prendendo la distanza con il telemetro, controllando con un inclinometro con il valore del coseno, andando manualmente a fare l'operazione matematica moltiplicando la distanza del tiro per il coseno, il dato che otterrete che è il "vero" valore con il coseno, sarà "grossolano".

Perché affermo questo ? Perché credo che oggi i software balistici sapendo ormai da quasi 30 anni, cioè da quando la Sierra ha introdotto a metà degli anni '80 nel proprio software quella funzione ormai implementata da tutti i software balistici e denominata appunto "funzione Sierra",  che la pura operazione geometrica del coseno non è perfetta per il tiro; utilizzano, secondo il mio parere,  il "coseno" solamente come unità di misura ... e non come operazione geometrica... cioè visto che la maggior parte dei tiratori avevano iniziato "misurando" con il coseno e con strumenti che lo indicavano avendo solo questa possibilità per fare un tiro inclinato, gli sviluppatori credo abbiano mantenuto nei software questo come solo unità di misura…

Il coseno è geometria, non fisica. La balistica è fisica con un po' di geometria.
Se la formula classica geometrica del coseno mi dice che il mio tiro a 1000 metri inclinato di un tot, diventa come se tirassi a 850 metri, questo dato è "non perfetto" perché non è veramente come tirare a 850 metri... questo perché tutte le "forze" in gioco rimangono uguali come per tirare a 1000 metri, tutte tranne una... la gravità... che agirà per un tratto inferiore dei 1000 metri ma che non sarà la stessa forza di  850 metri... perché il coseno geometrico parla di rette ma la gravità nel nostro caso non va ad agire su di una retta ma su di un parabola… in più c’è da aggiungere che il moto del proiettile è in variazione di velocità dunque lo spazio su cui agisce la gravità sarà attraversato nei vari tratti in tempi diversi e su di una parabola... fatto sta che la gravità andrà ad agire nello spazio e nei tempi in un modo differente sulla parabola di un tiro a 0 gradi a 850 metri. Detto questo possiamo capire quanto sia “complicato” trovare il dato esatto… e il valore lo può determinare solo una funzione fisica, non una geometrica.

Alla fine credo che se usate il coseno come unità di misura per il software balistico che vi fornirà un dato, questo dato sarà diverso dalla operazione manuale nel misurare la distanza e moltiplicarla per il coseno, perché i software utilizzano la funzione fisica completa, non il coseno geometrico.
Tutto ciò sulle lunghe distanze, mentre sulle corte  le misure in gioco sono molto più piccole e le differenze non saranno così visibili.

Era un po' complicato, spero di essere riuscito ad esternare il mio pensiero.

*

crybeast

  • Full Member
  • ***
  • 775
  • ST The Gunners Long Range NRAI n°89
Re:Long range shooting simulator.... breve video..
« Risposta #13 il: Dicembre 12, 2010, 06:00:18 pm »
chiarissimo...  ;)

*

Alessio B.

  • Jr. Member
  • **
  • 224
Re:Long range shooting simulator.... breve video..
« Risposta #14 il: Dicembre 12, 2010, 06:12:48 pm »
Si, è chiaro  ;)

E' un punto di vista. Ne prendo atto....e se lo dice lui, ci devo credere!
 ;D ;D

Non è un punto di vista, ma un dato di fatto. Se sia o meno utile, va valutato in base alle propie esigenze. Se si tira a distanze notevoli (XLR) ed a bersagli piccoli và considerato anche quello. Se si tira a distanze medie ed a bersagli grandi come una sagoma, allora è trascurabile.

Considera che, alle distanze estreme, andrebbe considerata anche la differenza di temperatura dell'aria (e quindi di densità) che c'è tra zone d'ombra e zone "al sole" che il proiettile potrebbe attraversare lungo la sua traiettoria....

*

crybeast

  • Full Member
  • ***
  • 775
  • ST The Gunners Long Range NRAI n°89
Re:Long range shooting simulator.... breve video..
« Risposta #15 il: Dicembre 12, 2010, 06:35:07 pm »
ci sarebbe da considerare anche che a distanze estreme la palla per arrivarci segue una traiettoria che copre anche 20 metri in altezza.. quindi potrebbe incontrare variazioni del vento.. che a terra magari è quasi nullo ma a 15/20 metri potrebbe essere anche un po' più farte.. l'aria potrebbe essere anche più fresca e meno densa.. una montagna di cose da tenere in considerazione ma che con parecchia esperienza si riescono a captare e a correggere..

*

Alessio B.

  • Jr. Member
  • **
  • 224
Re:Long range shooting simulator.... breve video..
« Risposta #16 il: Dicembre 12, 2010, 07:32:38 pm »
Senza arrivare a distanze estreme, già a media distanza se si tira da una costa all'altra di una vallata si deve considerare il fatto che il vento in quota in mezzo alla valle è più veloce di quello che noi stimiamo/misuriamo a terra...


*

Karl

  • Jr. Member
  • **
  • 215
  • Tessera N.15
Re:Long range shooting simulator.... breve video..
« Risposta #17 il: Dicembre 12, 2010, 07:36:51 pm »
Ciao,
sempre secondo Bryan Litz attualmente non esiste alcun software che tenga conto della variazione della densità dell'aria.
Nel post precedente mi sono dimenticato di un particolare... non proprio trascurabile
 :-[ :-[
Litz scrive esattamente: "When shooting at very steep angles over very long ranges, the effects of altitude on air density can become an issue....."
Sparare con angoli molto "tosti" a distanze notevoli è molto raro e richiede dei tiratori con i fiocchi e i controfiocchi....Che entrambe le condizioni siano soddisfatte, ripeto, è molto raro!
Per chi volesse consideralre questo fenomeno, dovrebbe moltiplicare il Coeff. balistico per un coeff. f 
(  f=1+ 1.3 x 10^-5 x h    , dove h è la differenza di altezza tra il tiratore e il bersaglio espresso in feet )....

Ovviamente nel mio caso, prendere in considerazione distanze lunghissime e angoli di sito tosti, è pura utopia: non  sono in grado di sparare a 1000 metri di distanza con un angolo di sito di 45°.
 ;D ;D


*

Alessio B.

  • Jr. Member
  • **
  • 224
Re:Long range shooting simulator.... breve video..
« Risposta #18 il: Dicembre 12, 2010, 08:45:59 pm »
Io pensavo ad un'altro tipo di tiro, comunque è verissimo  ;)

*

Jack_Barrett

  • Newbie
  • *
  • 46
  • Chi lotta può perdere, chi non lotta ha già perso.
Re:Long Range Shooting Simulator (Windows)
« Risposta #19 il: Febbraio 23, 2015, 06:21:19 pm »
Dove si può scaricare / acquistare questo software? Ho provato diversi link ma il risultato è sempre una blank page...  :mah: