Valutazione fattori climatici per il tiro lunga distanza

  • 9 Risposte
  • 1619 Visite

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.


*

ecker69

  • Jr. Member
  • **
  • 113
Re:Valutazione fattori climatici per il tiro lunga distanza
« Risposta #1 il: Maggio 09, 2011, 10:02:45 pm »
"se l'umidità aumenta il punto di impatto si abbassa, se l'umidità diminuisce il punto di impatto si alza. Tanto maggiore è l'umidità infatti, tanto maggiore è la densità dell'aria e dunque la resistenza offerta all'avanzamento del proietto con conseguente diminuzione di velocità dello stesso"

Non ho mai dato grossa importanza al fattore umidità , tuttavia, una volta ero in macchina con il Sig. Wesley Harris (ATRAG HORUS) e parlando dell'umidità gli dissi pari pari le cose che adesso ho trovato scritto su quest'articolo di qualche mese fa....

Lui guardò attraverso il parabrezza dell'auto mi indicò una nuvola e mi chiese: cos'è quella?
io gli risposi: una nuvola...umidità!
e lui mi disse: e allora perchè è lassù? stando a quello che dici dovrebbe stare quaggiù; sul nostro programma balistico maggiore è l'umidità minore è la densità!
Successivamente cercando su internet trovai anche una spiegazione scientifica di quanto mi aveva detto.

Comunque a variazioni estreme di umidità nell'ambito della stessa giornata non ho mai riscontrato variazioni degne di nota e quindi non gli ho mai dato tanta importanza.
Da quando uso l'Air Density (un mix tra temperatura, pressione e umidità) come valore per le mie tabelle il problema mi tange ancora meno.

*

Davide P

  • Hero Member
  • *****
  • 3672
  • NRA IT member 73
Re:Valutazione fattori climatici per il tiro lunga distanza
« Risposta #2 il: Maggio 09, 2011, 10:13:40 pm »
density altitude docet  ;)

in effetti i due parametri piu' importati sono la tempertura e la pressione assoluta, comunque se qualcuno si vuole sbizzarrire provi a mettere in un qualsiasi programma balistico a parita' degli altri parametri prima un umidita' relativa pari a 0% e poi a 100% e veda di quanto cambia la proiezione balistica......... parametro spesso che puo' anche essere tralasciato e lo considero solo per distanze estreme, sempre con lo stesso metodo di valutazione, e cioe' a 1700 metri con un .408 vale 1 click, che sommato al vento frontale fa un altro click , che per altri parametri fa 1 altro click...... per cui 3 clicks sono 51 cm......... sempre ammesso e non concesso che tutti i valori abbiano lo stesso segno algebrico... magari uno annulla l'altro.........


*

Davide P

  • Hero Member
  • *****
  • 3672
  • NRA IT member 73
Re:Valutazione fattori climatici per il tiro lunga distanza
« Risposta #4 il: Maggio 09, 2011, 10:28:11 pm »
GRAZIE  Beppe........ link molto interessante..

*

ecker69

  • Jr. Member
  • **
  • 113
Re:Valutazione fattori climatici per il tiro lunga distanza
« Risposta #5 il: Maggio 09, 2011, 10:32:47 pm »
lessi quest'articolo diversi anni fa e da allora l'ho riletto più volte...
ma non mi ero mai accorto sino ad oggi che già si parlava di Air density!!

*

Davide P

  • Hero Member
  • *****
  • 3672
  • NRA IT member 73
Re:Valutazione fattori climatici per il tiro lunga distanza
« Risposta #6 il: Maggio 09, 2011, 10:40:02 pm »
rispolverando un vecchio topic e cioe' quello sulle tabelle balistiche di back up si capisce bene come una corretta misura del BC di un dato proiettile unito ad un buon software ti consente poi di avere una tabella balistica che anche se di back up e' molto vicina alla soluzione balistica ottimizzata da un software.

poi se si usano munizioni che sono poco sensibili alle variazioni di temperatura meglio ancora....... altrimenti le variazioni di temperatura daranno una diminuzione/aumento di muzzle velocity e questo e' un parametro di cui bisogna tenere conto....

comunque sono in corto finale i FDAC prodotti da GAC....... inizialmente saranno per il .408 e poi man mano per altri calibri...... tutti in versione metrica.

*

Davide P

  • Hero Member
  • *****
  • 3672
  • NRA IT member 73
Re:Valutazione fattori climatici per il tiro lunga distanza
« Risposta #7 il: Maggio 09, 2011, 10:42:32 pm »
lessi quest'articolo diversi anni fa e da allora l'ho riletto più volte...
ma non mi ero mai accorto sino ad oggi che già si parlava di Air density!!

in effetti non e' che noi si abbia inventato nulla.......  spesso tante cose le hanno gia' inventate.....

bisogna solo trovare il modo di ottimizzare le cose per cio' che ci serve......   :)

*

Marco Alberini

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • 7196
Re:Valutazione fattori climatici per il tiro lunga distanza
« Risposta #8 il: Maggio 10, 2011, 09:52:16 am »
"se l'umidità aumenta il punto di impatto si abbassa, se l'umidità diminuisce il punto di impatto si alza. Tanto maggiore è l'umidità infatti, tanto maggiore è la densità dell'aria e dunque la resistenza offerta all'avanzamento del proietto con conseguente diminuzione di velocità dello stesso"

In effetti era un errore di traduzione dell'autore che mi era stato già segnalato, ma per mia mancanza di tempo mi ero dimenticato di correggere... mea culpa  :-[

Per cortesia Beppe (Marino) correggi quando ti è possibile.

Preso in mano il primo software balistico nel 2004 e giocando sui valori in campo per l'umidità ho sempre sostenuto che questa fosse una variabile talmente piccola nella scala degli errori da non dover essere considerata.

*

ecker69

  • Jr. Member
  • **
  • 113
Re:Valutazione fattori climatici per il tiro lunga distanza
« Risposta #9 il: Maggio 10, 2011, 01:15:58 pm »
un cambio drastico di umidità (lasciando invariate le altre variabili) da 0 a 100, influisce nell' ordine dell' 1%....
Cioè nulla  ;)