Stima della distanza con reticolo ottica FFP

  • 3 Risposte
  • 1472 Visite

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

*

Alessandro.

  • Hero Member
  • *****
  • 1605
Stima della distanza con reticolo ottica FFP
« il: Ottobre 31, 2010, 12:31:04 am »
Determinare la distanza di un bersaglio dalle dimensioni note, tramite un reticolo posto sul primo piano focale di un’ottica è il compito principale a cui tutti cannocchiali con il reticolo basato sul sistema dei Millradianti, sono stati destinati ad assolvere, fin dall’inizio della loro progettazione. 
A titolo di cronaca vi ricordo che questo sistema è stato utilizzato fin dal 1970 quando l'US Marine Corps ha adottato l’ Unertl 10X per i propri fucili M40A1.

Tralasciando l’aspetto militare, quello che più può interessare i tiratori sportivi, è l'utilità che la tipologia di reticolo in argomento può avere in competizioni di tiro a lunga distanza dinamico ad esempio. Magari già nella prossima edizione della Precision Valley lo staff organizzativo potrebbe infatti prevedere di inserire uno o più esercizi per i quali la padronanza delle tecniche di stima della distanza risulti indispensabile in quanto nedcessaria per la stima della distanza di posizionamento di un bersaglio senza l'impiego di un telemetro. In ogni caso nel caso non voleste o non possiate partecipare alla competizione in parola, ritengo che sia un’abilità che possa arricchire il bagaglio tecnico di ogni tiratore.

Quest’esercizio è tutt’altro che una cosa semplice e richiede molta pratica per determinare correttamente le distanze stimate. Per cercare di farvi capire quanto sia importante una lettura corretta vi porto un esempio: Considerando di utilizzare un 308 W, stimata l’ apparente distanza del bersaglio tramite il reticolo, impostiamo i valori per una caduta a 675 m mentre realmente il bersaglio si trovi a 650 m…. noi sbaglieremmo di circa 50 cm, sufficienti per farci mancare il nostro “obbiettivo”, specie se sommato ad un’errata valutazione del vento.

La prima cosa di cui abbiamo bisogno è sapere la dimensione  e quindi l’altezza del nostro bersaglio, supponiamo che sia largo 0.50 m ed alto 1 m



Ora è il caso di assumere la posizione più stabile possibile, quindi una posizione prona. Allineate il centro del reticolo ad ore 6  rispetto al margine inferiore del bersaglio (in  modo da visualizzare una situazione paragonabile a quella riportata nella figura qui sopra).

Il prossimo step è quello di misurare l’altezza sfruttando il reticolo dell'ottica. Ritornando all'esempio, determinato che il nostro target misura 2 Mill, applichiamo la seguente formula per ricavare la distanza in metri:

Distanza in metri=  Altezza del bersaglio in m. diviso l’altezza in Mill x 1000

Quindi  1.0 m altezza  bersaglio, diviso 2 mill è = a 0,5 che moltiplicato per  1000 è = 500 m

Altre formule:
-   Altezza bersaglio in m = (Distanza in m x 0.01) x Mill
-   Altezza Bersaglio in Mill =( Altezza Bers in m. x 1000) Dist in m.
-   Distanza in yard = Altezza bers in inch diviso i mill x 27.77

Il nostro bersaglio è a 500 m di distanza…questo teoricamente perché all’atto pratico possono esservi degli scostamenti tra la distanza stimata e quella reale. E' opportuno analizzare quindi come cercare di essere il piu’ sicuri possibile del valore di distanza ottenuto.

E’ buona norma che il proprio fucile abbia un mono pod posteriore per poter regolare micrometricamente gli aggiustamenti del reticolo sul bersaglio.

Perché l’immagine non tremi, falsando la lettura, è opportuno cercare di non appoggiarsi all’arma ma di guardare solo attraverso l’ottica apportando le correzioni tramite il mono pod.

I reticoli Generation II riportano riferimenti con 0.2 mill di dimensione rendendo ancora più accurata la stima, è inoltre fondamentale conoscere perfettamente tutte le dimensioni del nostro reticolo tenendo degli appunti all’interno del log book per confrontare la stima con dati reali, ove necessario. Molti produttori forniscono queste informazioni.

Fatto tutto ciò, supposto che abbiate eseguito a regola d’arte quanto consigliato c’è ancora l’incognita di aver effettivamente letto correttamente quanti mill è alto il nostro bersaglio. L'errore che si può commettere nell'erroneamente valutare il numero di mill può essere dovuto al fenomeno del miraggio che puo’ portare a commettere anche errori consistenti. Altro fattore che può portare ad errore di stima della distanza è l'errata valutazione dell'angolo di inclinazione esistente tra il bersaglio ed il tiratore….

Vi porto l'ultimo esempio: supponete di aver sbagliato l'altezza in mill del bersaglio di 0.1 mill e che quindi l'altezza sia di 1.9 mill

1.0 m diviso 1.9 mill x1000 = 526,31 m....

E' evidente come l'errore di stima della distanza sia consistente e pertanto tale da determinare anche un mancato ingaggio del bersaglio.


Buon lavoro e divertimento a tutti!


Alessandro Dall’Asta


*

Giuseppe Marino

  • Hero Member
  • *****
  • 4665
  • La Spezia NRA IT member 3
    • www.nrai.it
Re:Stima della distanza
« Risposta #1 il: Ottobre 31, 2010, 10:49:43 am »

*

Pippo

  • Newbie
  • *
  • 39
Re:Stima della distanza con reticolo ottica FFP
« Risposta #2 il: Novembre 28, 2010, 11:56:27 am »
Bravi, ben esplicato, però santo telemetro !!!  ;)

*

DAC

  • Newbie
  • *
  • 1
Re:Stima della distanza con reticolo ottica FFP
« Risposta #3 il: Gennaio 06, 2013, 08:01:38 pm »
Bravo. Noi usiamo il sistema metrico è la dimensione formula semplificata è espresso in millimetri diviso per il valore misurato in reticolo MIL:

1,0 m 1,9 mulino Diviso x1000 = 526,31 m

1000 Diviso 1,9 mulino = 526,31 m

Se abbiamo una situazione in cui le dimensioni degli oggetti in osservato è di 1,4 metri e 1,2 reticolo MIL quindi leggere la distanza del bersaglio viene calcolata con la formula:

1400 / 1,9 = 736 metri

Penso che non c'è bisogno di dire qualcosa di importante, deve misurare con precisione il MIL a due cifre decimali per esempio 1,9 invece di 1,92 dovrebbe portare diventa più preciso: 1400 / 1,92 = 729 metri.

salute

Post scriptum Mi scuso per gli errori, non parlano l'italiano utilizzando Google Translate.